DETTAGLI JUDO

torna alla homepage


LA VITA ED IL PENSIERO DELLO SHI-HAN JIGORO KANO

Jigoro Kano nacque nel 1860 a Mikage, piccolo villaggio marino nei pressi di Kobe. Dopo la Laurea in Scienze Politiche ed Economiche nel 1881, tentò inizialmente la vita politica alla quale in seguito preferì gli studi di Estetica e Morale.

Nel corso della sua lunga ed intensa vita ricoprì importanti cariche governative, tra le quali: Addetto alla Casa Imperiale, Vice Presidente del Collegio dei Nobili e Rettore. Consigliere nel Ministero della Educazione Nazionale, Direttore della Scuola Normale Superiore, Segretario del Ministero della educazione ed infine direttore della educazione primaria all’interno dello stesso Ministero.

E' pertanto a pieno titolo che Jigoro Kano è spesso chiamato " Il Prof. Kano ". Inoltre, rappresentò spesso il suo Paese al Consiglio Internazionale Olimpico.

All'età di 16 anni cominciò a praticare vari sport e studiò in modo speciale i vari metodi di Ju-Jutsu, seguito dai migliori Maestri dell'epoca.

A 22 anni, nel 1882, aprì il suo primo Dojo, all’interno del piccolo tempio di Eisho, nel quartiere di Shitaga a Tokyo. Da quella modesta sede sarebbe in seguito nato il più grande dei movimenti sportivi del mondo, "VIA" di benessere fisico e morale. Jigoro Kano morì sul piroscafo Hikawa Maru il 5 maggio 1938, mentre rimpatriava, reduce da un faticoso viaggio preparatorio per le Olimpiadi in allestimento a Tokyo


LA NASCITA DEL JUDO



Giunto a Tokyo, nel 1870, l’allora giovinetto Jigoro Kano intendeva proseguire la sua formazione scolastica negli Istituti d'Istruzione della Capitale.

Avendo una corporatura esile, desiderava ardentemente irrobustirsi nel fisico e a tal fine praticò intensamente l'educazione fisica ed alcuni sport occidentali, tra cui il baseball.

In seguito si interessò alle "arti marziali" iniziando ad apprendere il "ju-jutsu" alla Tenjin Shinyo-ryu (Ryu=scuola) con i Maestri Iso e H. Fukuda dai quali apprese i segreti del randori e dei kata. Nel contempo, fu guidato dal Maestro I. Ihikubo della Kito-ryu che insegnava uno stile di ju-jutsu del tutto diverso.

Inoltre il giovane Kano approfondì anche teoricamente lo studio di questa arte marziale tramite antichi testi di insegnamento (densho) di molte antiche Scuole d iju-jutsu.

Dopo essersi laureato ed aver accettato un incarico come insegnante, iniziò ad elaborare un proprio metodo d’arte marziale che riassumeva gli insegnamenti delle varie scuole di JU JUTSU da lui frequentate, perfezionandone le tecniche, integrandole con altre e, soprattutto, eliminando quelle più pericolose così da consentire a chiunque di avvicinarsi alla sua scuola e facendo di tale arte marziale un sistema principalmente educativo con possibilità di sviluppo anche nel mondo dello sport.

NASCE IL JUDO KODOKAN

Inizialmente il dojo di Kano era composto di soli 12 tatami e si trovava in una saletta del tempio buddhista di Eishosi sito nel quartiere Shimoya di Tokyo.

Nel 1882 la Scuola dei Pari, dove insegnava, diede vita ad un corso di Judo sotto la guida del Professor Kano. Subito il Ministero dell'Istruzione comprese l’enorme potenzialità educativa e formativa della disciplina introdotta dal Prof. Kano e inserì il Judo fra le materie di studio accanto all'educazione fisica.

L'insegnamento del Judo fu portato anche nell’Accademia Navale e nelle Università di Tokyo e di Keio. Jigoro Kano fu inoltre incaricato di condurre uno studio sui metodi didattici usati in altri Paesi e quando tornò dall'estero, nel 1891, era ormai prossima la guerra Cino-Giapponese (1896).

A seguito di questa minaccia, il Judo si diffuse in tutto il Giappone e ben presto, più di 1500 studenti appresero questa disciplina sui tatami del Kodokan di Tokyo, e nei centri di Kanojiku, Kyoto e Nirayama. Il Judo divenne così materia integrante di studio nelle Scuole di tutto il Paese.